Maria Gabriella Canfarelli

PER IL VERSO GIUSTO

inediti e inauditi degni di nota

La ressa nell’udito

Più assorbe il tempo
con lo sguardo presbite
soccorso a malapena
dalle lenti,
più si avverte lo scavo,
si deposita in fronte
il pensiero accigliato
da un rumore
di quiete scomposta,
e pare di sentire
certe notti spalancare le gole
tutte insieme
dimenticate voci
entrare prepotenti
nell’udito.

Maria Gabriella Canfarelli

 

 

La ressa nell’udito
Più assorbe il tempo
con lo sguardo presbite
soccorso a malapena
dalle lenti,
più si avverte lo scavo,
si deposita in fronte
il pensiero accigliato
da un rumore
di quiete scomposta,
e pare di sentire
certe notti spalancare le gole
tutte insieme
dimenticate voci
entrare prepotenti
nell’udito.

L'aria che abbiamo lasciato
L'aria che abbiamo lasciato

per andare a dormire,

la tua giacca che perde bottoni

e colore perché tu possa

sparire di punto in bianco,

la terrazza (lei sola) che guarda

verso il mare.

Ricacciata in fondo

alla gola la lingua che non parliamo.

Porta socchiusa
Chiara, conclusa e netta
la sentenza
alla fine dei giorni
raccontarla guardandosi
le mani che scottano,
palme combuste e dorso.
Solo la pioggia si ascolta
soltanto il tempo sgocciola
e non smette. Nel corpo
entra e siede la pazienza
mentre l’anno si affaccia
dalla porta socchiusa,
spiraglio la bocca che giura
mai più l’inganno.

Pulizie pasquali
Vermi nella farina
da levare di torno
e tende sgonfie,
fare fuori la macchia
sugli stipi pressando la mano
deodorata spugna che sbraccia
e slarga, disgorga
il centro dell'acqua.
Ora pronta
per l'uso è l'aria nuova
che ti cambia le corde vocali,
puoi sperare
dal sottofondo lentamente salga
un'altra voce, che sia
pezza pulita per asciugare
il cuore quando morde
- che dentro e fuori, al netto
del suo fiato,
finalmente risusciti
a metroquadro il mondo.

Sommario

pus-megafono

Videor

logo_raccapriccio

Sommario

avete-rotto-la-mi

logo_raccapriccio

Sommario

pus-megafono
logo_raccapriccio