Le quattro del pomeriggio
- le tue mani
laccate di pioggia -
e lo scirocco
si porta via
i quattro versi

che avevo steso al sole

*
Le tue efelidi,
scritturate
per una partitura
di baci

Togliti il soprabito
presta la voce
al desiderio

*
Tra le siepi, le biciclette
si sfiorano le mani

Scrivo per te
che non sai

*
Ha le gambe incrociate
e me tra le gambe
Il remo s'immerge nello
specchio liquido,
si spezza, riemerge
intatto
(in forma di lettera)

Sommario

pus-megafono

Videor

logo_raccapriccio

Sommario

avete-rotto-la-mi

logo_raccapriccio

Sommario

pus-megafono
logo_raccapriccio